Tav a Vicenza, ancora troppo timida la presa di posizione del Cisa

Postato il Aggiornato il

cisa_01

COMUNICATO STAMPA

Tav a Vicenza, ancora troppo timida la presa di posizione del Cisa (Centro Internazionale di Studi Andrea Palladio)

Gli effetti del passaggio del TAV/TAC a Vicenza sono finalmente diventati oggetto di interesse anche per il CISA (Centro Internazionale di Studi Andrea Palladio), dopo più di un mese di accesissimo dibattito locale, accompagnato da azioni formali del Ministero dei beni e le attività culturali (Ufficio Unesco) e da numerosi articoli e approfondimenti apparsi sulla stampa nazionale e straniera.

In queste ore, come mostrano alcuni articoli della stampa locale (qui e qui), si sono susseguite prese di posizione e dichiarazioni da parte del Consiglio scientifico del CISA per voce del suo presidente, prof. Howard Burns.

OUT_Osservatorio Territoriale di Vicenza considera questo “muoversi con cautela” da parte dell’istituzione più importante in campo internazionale di studi sull’opera palladiana, molto grave e indirettamente dannoso.

Non è la prima volta che il CISA è chiamato a far sentire la propria voce su opere private e pubbliche che hanno messo in pericolo l’integrità del patrimonio culturale riconosciuto dall’UNESCO. Nulla è stato detto e fatto in difesa del territorio attraversato dal tracciato dell’A31, che ha comportato un’indagine da parte degli uffici UNESCO di Parigi e dell’ICOMOS per valutare l’impatto dell’opera nei confronti di Villa Saraceno (1548), così come nulla è stato detto in merito al danno provocato dalla costruzione del complesso edilizio sorto attorno al mostruoso edificio del nuovo tribunale a Borgo Berga, porta d’accesso al centro storico di Vicenza e a ridosso della collina che ospita la Villa valmarana ai Nani e, poco più in là, della famosissima Villa Capra Valmarana “La Rotonda”.

Per questa ragione si ritengono del tutto inadeguate e insufficienti le parole del prof. Howard Burns, attribuendo forse al suo non essere vicentino, parte della limitata conoscenza della gravità del progetto approvato lo scorso 13 gennaio dal Consiglio comunale che prevede, tra l’altro, anche un tunnel carrabile sotto la collina di Monte Berico dove si trova Villa Valmarana ai Nani, con i suoi famosissimi affreschi dei Tiepolo, e a brevissima distanza dalla Rotonda. Chiamiamo in causa, il presidente del CISA, dott. Lino  Dainesein rappresentanza del Consiglio di amministrazione della Fondazione e ildirettore, dott. Guido Beltramini, entrambi vicentini da lungo tempo impegnati nel CISA, ricordando loro che il Centro Internazionale ha una responsabilità etica e scientifica troppo importante per essere limitata dalle pressioni degli interessi economici e politici che muovono in modo pervasivo le scelte urbanistiche oggi al centro della nostra battaglia.

Romana Caoduro , presidente di Civiltà del Verde

Giovanna Dalla Pozza Peruffo, presidente di Italia Nostra sez. di Vicenza

Adriano Battagin, presidente di Legambiente circolo di Vicenza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...